Parco Eolico S.Luca - "Pro Loco Montefalcone"
ValFortore-P1080502a.jpg
 Storia

Costruito dall'IVPC (Italian Vento Power Corporation),il parco eolico S.Luca di Montefalcone VF è il più grande d'Italia.Iniziato il 18novembre 1995 e finito di costruire il 30 marzo 1996, entra in funzione con 12 unità il 15 aprile 1996 producendo 7,2 Megawatt. Nel giugno del 1998 le unità produttrici diventano 43, portando la potenza della centrale dai 7,2 Mw iniziali ai 25 Mw attuali.

Dati Tecnici

Le torri di acciaio, hanno un'altezza di circa 50 metri, la base misura mt 6,20 x6,20 ed alla cima si restrigono sino a mt 1,70x 1,70. Reggono navicelle Vestas V42 e V44 da 600 Kw e rotori a tre pale che riducono al di sotto dei lmiti di legge la rumorosità dell'azione che è completamente annullata in presenza di vento sostenuto.
L'aereogeneratore, costruito dalla società danese per conto dellIVPC,è costituito da una carlinga in vetro resina, da un rotore a tre pale in epoxi e in poliestere rinforzate con fibre di vetro con un raggio di mt 21, la velocità di rotazione è di 30 giri al minuto e si attiva con una velocità di 4 mt al secondo raggiungendo la massima potenza di 600Kw con una velocità del vento di 16 mt al secondo e funziona fino ad una velocità massima di 25 mt al secondo.
il generatore è asincrono con quattro poli, con un voltaggio di 690 volt,una frequenza di 50 Hertz ed una corrnte di 430 ampere. Alloggiato in monoblocchi di c.a.v. di mt 2,46x2,66x4,02, vi è un trasformatore di 600 volt-ampere di potenza il quale porta la corrente ad un voltaggio di 20 Kw ead un'intensità di 18 Ampere.
La corrente elettrica trasformata in HT (alta tensione) è immessa nella rete ENEL tramite cavi tripolari interrati a più di un metro e mezzo e quindi, offrono il massimo della tranquillità a chiunque utilizzi sui siti, macchine agricole.
Un computer di bordo "legge" il vento e orienta la navicella e le pale fino ad assicurare una ottimale capacità produttiva.